Il più giovane primario d'Inghilterra? Un italiano che ha abbandonato il posto da precario - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il più giovane primario d'Inghilterra?…
16 cose che il Giappone dovrebbe esportare nel resto del mondo Bambini minuscoli con i loro cani enormi: le loro foto vi scalderanno il cuore

Il più giovane primario d'Inghilterra? Un italiano che ha abbandonato il posto da precario

129.476
Advertisement

La storia che vi stiamo per raccontare è la testimonianza dell'ormai consolidato fenomeno dell'emigrazione dei cervelli, o dei cervelli in fuga. Prendiamo in esame una sola esperienza, ma di simili ne esistono a migliaia: esperienze di giovani talenti, volenterosi di dare il proprio contributo alla scienza, all'arte o a qualsiasi altra professione, bloccati però dagli arrugginiti meccanismi tipicamente italiani, che non sembrano voler creare spazio vitale per le nuove menti: e così, senza pensarci due volte, i giovani si dirigono all'estero con la certezza di poter finalmente esprimere le proprie capacità

Simone Speggiorin, 36 anni, si è lasciato alle spalle un posto da precario in Italia ed è diventato il primario più giovane di tutta l'Inghilterra.

Nato in un paese in provincia di Venezia, si è specializzato a Padova nel 2009: ansioso di poter mettere in atto la sua vocazione, quella per la cardiochirurgia, non ha esitato molto nel fare le valigie e abbandonare un posto da precario e scambiarlo con quello di primario di unità. 

Di mezzo non c'è nessuna raccomandazione: non serve quando basta il sorriso e la vitalità negli occhi per comunicare la propria passione. È bastato questo al professor Martin Elliott per proporre al giovane Simone un'esperienza inglese. 

Nonostante Padova sia un polo eccellente nella cardiochirurgia, Simone non vedeva davanti a sé altro che la precarietà ad oltranza.

immagine: panorama.it

La sua certezza era basata sui racconti dei suoi colleghi forse troppo affezionati all'Italia che dopo anni si sono ritrovati nello stesso Paese nelle stesse condizioni di incertezza lavorativa.

Sicuro di come (non) doveva essere il suo futuro, il dottor Speggiorin è atterrato a Londra e qui in pochissimo tempo ha fatto valere i suoi precedenti anni di studio: l'Inghilterra lo ha premiato promuovendolo a primario, il più giovane in tutta la nazione.

Un orgoglio per l'Italia che però, ingenuamente, ha perso allo stesso tempo un grande cervello ( e non solo il suo). 

Tags: ItaliaMedicinaStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie