Amanti della bistecca? Un morso di questa zecca e non potrete più mangiarne una - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Amanti della bistecca? Un morso di questa…
Ecco cos'è che rende i mancini realmente SPECIALI Ottenere acqua potabile dalla nebbia: ecco la pratica e leggera invenzione cilena

Amanti della bistecca? Un morso di questa zecca e non potrete più mangiarne una

06 Dicembre 2016 • di Giulia Bertoni
13.065
Advertisement

Nascere o sviluppare un'allergia di tipo alimentare può renderci la vita davvero difficile, soprattutto quando riguarda cibi utilizzati come basi per realizzarne tanti altri. Ma oltre alle comuni allergie a latticini, arachidi e frumento, ne esistono alcune davvero particolari che a sentirle nominare direste: "Impossibile!".
Fra queste troviamo l'allergia alle carni di mammiferi (non primati) causata dal morso di un noto insetto: la pericolosa e odiatissima zecca.

La zecca di specie Amblyomma americanum è molto diffusa in tutti gli Stati Uniti orientali, ma è stata rinvenuta anche in altre zone del continente (in blu).

Il morso di questo tipo di zecca può scatenare nella persona normalmente carnivora, un'allergia alla carne di mammiferi non primati. Nella saliva di questo insetto, infatti, è presente un carboidrato chiamato Galactose-alpha-1,3-galactose (abbreviato in 'alpha-gal'), che una volta all'interno del corpo umano può trasformarsi in allergene e scatenare spiacevoli reazioni.

Cosa accade al corpo.

Nell'arco di 3-8 ore dopo il consumo di questo specifico tipo di carne possono presentarsi sintomi come: forte sensazione di prurito in tutto il corpo, disturbi gastrointestinali e possibile anafilassi. Nel 70% dei casi provoca anche problemi respiratori che si rivelano particolarmente dannosi per chi già soffre di asma.
L'allergia all'alpha-gal è l'unica fra le allergie alimentari a presentarsi con effetto ritardato ed è anche la prima di questa gamma ad essere stata associata a un carboidrato anziché a una proteina. Molti l'hanno definita l'allergia che ti fa diventare vegetariano ma in realtà si può continuare tranquillamente a mangiare pesce e pollame.

 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie