Trovano un mercantile affondato 200 anni fa: al suo interno un essere ancora... vivente - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Trovano un mercantile affondato 200…
Il lato buffo della natura: 22 espressioni e pose di animali che vi faranno morire dal ridere 6 reperti archeologici il cui utilizzo rimane ancora un mistero

Trovano un mercantile affondato 200 anni fa: al suo interno un essere ancora... vivente

16 Ottobre 2016 • di Giulia Bertoni
9.056
Advertisement

Più di duecento anni fa una nave mercantile con un carico enorme salpò da Calcutta con destinazione Sidney. La Sidney Cove, però, non giunse mai a destinazione, poiché s'inabissò nei pressi di Preservation Island, quando ormai mancava poco all'arrivo. Il relitto di questa nave non fu ritrovato che nel 1977 e con essi vennero a galla i resti dei prodotti che trasportava, incluse numerose bottiglie di alcol ancora sigillate. Oggi un gruppo di scienziati ha intenzione di utilizzarle per realizzare qualcosa di unico...

La Sidney Cove affondò nel 1796. Su di essa erano trasportati chili di tè, ceramiche, tabacco, riso e diverse bottiglie di vino e birra.

immagine: Cameron Cope

Le bottiglie vennero rinvenute nel 1991 e alcune furono sottoposte a decantazione.

immagine: ABC Television

Grazie al perfetto imbottigliamento, all'oscurità e al fresco in cui sono rimaste per tutto questo tempo (il relitto giaceva nelle acque dell'attuale Tasmania), l'alcol contenuto al loro interno si era preservato.

Advertisement

A quasi 30 anni di distanza il chimico David Thurrowgood si è chiesto se esse non contenessero ancora del lievito...

immagine: Queen Victoria Museum and Art Gallery

Il prelievo di un campione attuato su una bottiglia ancora chiusa si rivelò fallimentare ma quello realizzato sulle bottiglie già decantate ebbe risultato positivo: attraverso l'uso delle biotecnologie è stato scoperto che il lievito Brettanomyces, uno dei più importanti nel processo di birrificazione, era ancora contenuto nella bottiglia e... vivo.

Una volta isolato, il lievito in questione è stato utilizzato per produrre nuova birra secondo le tecniche di fine Settecento.

immagine: Cameron Cope

"Per quanto ne sappiamo, si tratta dell'unico microrganismo ancora in vita che è stato utilizzato per produrre birra in epoca pre-industriale", ha dichiarato David. "E la birra che abbiamo ottenuto utilizzandolo ha anche un ottimo sapore: fresco e leggero".

 

Tags: CuriosiBirreNavi
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie