Esaurimento Da Lavoro: Come Riconoscere In Tempo La Sindrome Che Colpisce Sempre Più Lavoratori - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Esaurimento Da Lavoro: Come Riconoscere…
Il treno parte con 25 secondi di anticipo: la compagnia giapponese porge le sue scuse ufficiali Il Gufo-postino di Harry Potter? Esiste davvero e vive in Russia!

Esaurimento Da Lavoro: Come Riconoscere In Tempo La Sindrome Che Colpisce Sempre Più Lavoratori

13.985
Advertisement

Nel nostro vocabolario entrano continuano a far parte nuovi vocaboli, con cui si designano nuovi oggetti o situazioni mai delineate prima. È il caso della parola burnout in ambito lavorativo, che indica qualcosa di simile dall'esaurimento causato dallo stress. Gli esperti dicono che i più a rischio sono coloro che svolgono mestieri di aiuto (medici, paramedici, psicologi, pompieri...), nel sociale o quelli particolarmente dinamici. La verità, però, è che il burnout può colpire qualunque lavoratore che viene schiacciato tra i mille impegni della famiglia, del lavoro e della vita privata. 

immagine: Depositphotos

Vivere un periodo difficile capita a tutti, ma l'esigenza di dare un nome ad un fenomeno sempre più frequente tra i lavoratori rende chiaro come non si tratti del ben noto esaurimento nervoso.

Il burnout è molto più simile ad uno svuotamento lento, che avviene nel tempo, negli anni: è un piegarsi a delle condizioni di lavoro e a dei tempi imposti dalla società moderna che alla fine rendono la persona vuota di energie, di emozioni, di iniziative. È un lasciarsi schiacciare da un masso sempre più pesante, senza la possibilità di far nulla: il burnot può iniziare dal lavoro, ma via via si allarga a macchia d'olio su ogni aspetto della vita. 

Il burnout non si risolve con qualche settimana di ferie: gli esperti individuano nel burnout un vero e proprio problema di salute che può anche divenire cronico. È un fenomeno moderno, che nelle società degli anni passati non si verificava: deve essere quindi ricondotto alla trasformazione dei metodi di svolgimento del lavoro, in particolare all'introduzione di nuove tecnologie. Ecco quali possono essere le cause alla sua base:

  • Frequenti cambiamenti nei programmi
  • Frequenti cambiamenti sulle mansioni da svolgere
  • Scadenze impossibili
  • Conflitti sull'ambiente di lavoro
  • Sollevamento di carichi pesanti ed esposizione alle intemperie (per chi svolge impieghi manuali)
  • Compenso inadeguato rispetto alle responsabilità
immagine: Ray_LAC/Flickr

Secondo gli esperti, ciò che rende il burnout così pericoloso sono i suoi sintomi, troppo spesso sottovalutati e scambiati per malessere momentaneo: in particolare sono,

  • Sentirsi vuoti emotivamente, scarsa reazione ad eventi di gioia o dolore
  • Difficoltà a dormire o a superare un banale malanno
  • Sensazione di nausea continua
  • Estraniazione da colleghi e capi
  • Sensazione di non riuscire a dare il meglio

È stato visto che quando compaiono tali segnali, il lavoratore tende a prendersi più giorni di ferie, ad assentarsi più spesso, a commettere più errori e ad essere distratto. In alcuni casi diventa anche più aggressivo. 

Advertisement

Ecco cosa dicono di fare gli esperti quando si riconosce di essere entrati in burnout:

  • Raggiungere piccoli obiettivi: per risolvere il problema della sensazione di non concludere niente a fine giornata, bisogna fare una lista di tutte le cose da fare. Cose piccole, facilmente realizzabili e non grandi obiettivi. Raggiungere piccoli obiettivi promuove la produzione di dopamina nel cervello! 
  • Prendersi del tempo: probabilmente una settimana di ferie non risolverà il burnout. Per evitarlo, bisogna concedersi dei piccoli momenti di completa libertà, spalmati per tutto l'anno lavorativo: una pausa pranzo un po' più lunga, una mattinata libera o un permesso di uscita anticipata, vi serviranno a non sentire il peso del lavoro e degli impegni.
  • Anche parlare con qualche collega può essere una soluzione.
  • Coltivare un hobby lontano dal contesto lavorativo può contribuire a prendersi del tempo senza pensare sempre agli impegni. Che sia giardinaggio o uno sport, abbiate la cura di non farlo mancare all'interno della vostra settimana. 
  • Se infine si ha la possibilità di svolgere il lavoro da remoto, secondo gli esperti questa è un'ottima possibilità di rilassamento: svolgere il lavoro all'aria aperta o comodamente in casa può essere un modo per recuperare le energie. 
Advertisement

Potrebbe interessarti anche

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie